La casa ideale di domani

05/12/2020

Il Covid-19 ha avuto un impatto decisivo sulle esigenze abitative influenzando il rapporto delle persone con la propria casa. Vediamo insieme quali sono stati i principali impatti e come sono evolute le esigenze.

Nuove sfide e priorità

Il Covid-19 ha influenzato le abitudini di vita di tutte le persone e la casa è diventata il centro di tutte le nostre attività. Il tempo che le persone hanno avuto a disposizione ha aiutato a ripensare il loro rapporto con la propria abitazione.

L’ipotesi principale in questione è che il virus abbia avuto effetti su un’inversione di trend degli spostamenti verso la città. Le persone però cercheranno comunque di raggiungere le città soprattutto grazie all’opportunità che un contesto cittadino può offrire.

Il 56% ha espresso intenzione di fare a breve dei lavori per migliorare la propria situazione abitativa. I principali cambiamenti che le persone intendono fare nell’abitazione in cui attualmente vivono sono: design degli interni, avere uno spazio esterno privato, migliorare la connessione internet, aumentare la superficie di casa e fare interventi di efficienza energetica.

I 3 fattori principali ritenuti fondamentali all’interno di una casa invece sono: la luce naturale, la velocità di connessione e gli spazi all’esterno privati.

Il mercato immobiliare italiano nei prossimi anni, alla luce del cambio di esigenze, si troverà a dover affrontare delle grandi sfide. All’interno del mercato immobiliare, la maggior parte degli immobili è antiquata e non supporta la domanda attuale della popolazione. In questa fase verranno favorite le abitazioni in affitto più moderne e i soggetti appartenenti al settore, per ottenere un vantaggio competitivo, dovranno adattarsi alla molteplicità dei bisogni abitativi delle persone.

Accelerazione di trend già avviati

Nei prossimi dieci anni i millennials si creeranno una famiglia e acquisteranno un’abitazione. I principali fattori che influenzano l’acquisto di una casa saranno gli stili di vita diversi, una superiore mobilità del lavoro e la precarietà del reddito. Inoltre la carenza di risorse naturali, la crescente urbanizzazione e l’attenzione all’ambiente spingeranno la domanda di prodotti sostenibili e dotati di maggiore tecnologia.

La domanda di lungo periodo per il settore residenziale rimarrà sostenuta grazie a cambiamenti socio demografici e all’urbanizzazione, aumento dell’interesse per il mercato degli affitti e squilibri tra domanda e offerta.

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.

Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.