COVID-19 motivo di risoluzione del contratto preliminare?

26 mar 2020

In base al codice civile un’epidemia non è di per sé una causa di risoluzione del contratto preliminare, al termine dell’emergenza sanitaria gli acquirenti che non hanno potuto completare il rogito dovranno dimostrare al giudice altre impossibilità sopravvenute (il notaio non era disponibile, la banca non era pronta a erogare il denaro). «La verità è che oggi le banche vogliono erogare, il compratore vuole portare a termine il contratto e magari il notaio rimane bloccato. Se non conclusi, questi contratti si potrebbero trasformare in migliaia di cause civili che faranno spendere ulteriori risorse ai cittadini e allo Stato. Il governo non ha al momento approfittato dei provvedimenti già adottati per attuare la stipula degli atti pubblici informatici attraverso il sistema telematico. Visto le possibili conseguenze, sarebbe una necessità di primaria importanza. REalista si è prontamente attivato per non far correre alcun rischio ai propri clienti facendo stipulare atti integrativi (proroghe nei casi di necessità) a tutela di entrambe le parti, acquirente e venditore.

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione.

Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.